login
Scuole → Scuola Primaria

La Scuola Primaria intende promuovere un percorso educativo e una programmazione che, pur tenendo conto dei contenuti e delle finalità propriamente posti dai programmi ministeriali, abbia al suo interno una linea di continuum educativo - didattico con la scuola secondaria di 1° grado.

Si compone di 15 classi suddivise in tre sezioni (1 sezione nella sede di piazza Giovanni e 2 sezioni nella sede di via Pintus) con alunni tutti semiconvittori.

Via Pintus
Ore 8,00: Suono della campana
Ore 8,05: Inizio Lezioni

Piazza Giovanni
Ore 8,25:Suono della campana
Ore 8,30:Inizio Lezioni

Il tempo scuola settimanale risulta di 27 ore di attività curricolare.

Le attività di lezione curricolare si svolgono la mattina, dal lunedì al venerdì e per una volta alla settimana il pomeriggio dalle 14.30 alle 16,30 in via Pintus e dalle 14,45 alle 16,45 in Piazza Giovanni.

Le attività del semiconvitto per la scuola primaria, pienamente integrate a quelle della scuola annessa e con la quale vi è assoluta identità di finalità educative nel corrente anno scolastico iniziano alle 12,55 e terminano alle 17,45 nella sede di via Pintus e dalle 13,25 alle 17,45 in Piazza Giovanni.

Tale articolazione oraria in continuità con l`orario curricolare scolastico consente di attivare, anche in questo ambito e in questa fascia oraria, progetti per l`ampliamento dell`offerta formativa.

“La finalità generale della scuola è lo sviluppo armonico e integrale della persona, all`interno dei principi della Costituzione Italiana e della tradizione culturale europea, nella promozione della conoscenza e nel rispetto e nella valorizzazione delle diversità individuali, con il coinvolgimento attivo degli studenti e delle famiglie”.

Per perseguire le finalità generali richiamate nelle Indicazioni Nazionali, la Scuola Primaria ha il compito di promuovere una didattica che parta dal concetto di “centralità della persona”. L’intento è quello di costruire e attuare una progettualità che consenta il pieno raggiungimento degli obiettivi, attraverso la realizzazione di strategie educative e didattiche, che non possono prescindere della singolarità e complessità di ciascuno, nonché dalla propria identità, dalle aspirazioni e dalle capacità e fragilità, che possono manifestarsi nelle varie fasi di sviluppo e di formazione.

La famiglia, nel rispetto del ruolo dell’istituzione scolastica, è chiamata a condividerne l’intento educativo/formativo.

I docenti della Scuola Primaria, secondo i principi della libertà di insegnamento e dell’autonomia scolastica, elaborano la propria progettualità con scelte relative a contenuti, metodi, organizzazione e valutazione, tenendo conto di esperienze di apprendimento efficaci, di scelte didattiche significative e di strategie sempre più idonee. L’obiettivo principale non è solo orientato all’acquisizione degli apprendimenti di base, ma è indirizzato ad offrire contestualmente l’opportunità di sviluppare le dimensioni cognitive, emotive, affettive, sociali, corporee, etiche e religiose.

L’approccio didattico-educativo proposto si ispira ad un modello che favorisce l’inclusione sociale e culturale attraverso il sistema dell’istruzione, e mira a garantire, a ciascun alunno coinvolto, il successo formativo.

Ogni classe viene affidata ad un educatore, responsabile degli alunni, che si propone come stimolo e guida del gruppo in ogni momento del semiconvitto.

Ad alcuni educatori è affidato il compito di supporto alle attività programmate nonché al recupero degli alunni in difficoltà e alla valorizzazione delle eccellenze.

Nella scuola primaria le classi sono articolate con tre docenti curricolari su due classi.

Ai 3 docenti si affiancano assumendone la titolarità:

un docente di Lingua Straniera

un docente di Religione

due docenti di Sostegno